L’Associazione Ora Legale è nata dall’intuizione di alcune realtà associative della provincia di Pisa allo scopo di promuovere la cultura della legalità e dei principi solidaristici nel territorio provinciale.
Scopri chi siamo →

La bottega Saperi e Sapori di Legalità in via F. Da buti 10,Pisa (difronte ingresso principale della Stazione Leopolda)

ORARI : LUN-VEN 8/12:30 e 15/19 - SAB 8/13

Ultime Novità ed Eventi

  • convegno "SPIRITUALITA' ETICA POLITICA. Idee e pratiche per una società non violenta" - 25-26 ottobre
    Pubblicato il 21 ottobre 2014

    Si segnala l’invito al convegno.
    “Spiritualità Etica Politica. Idee e pratiche per una società nonviolenta e solidale”
    in programma c/o la Stazione Leopolda (piazza Guerrazzi, Pisa) i prossimi 25-26 ottobre 2014

    Tra le varie esperienze che verranno raccontate, si segnala l’intervento di Marco De Martino per conto di Libera Pisa previsto per domenica mattina dal titolo “Legalità è bellezza. Le confische per mafia: dal bene al Bene”

    clicca per consultare il programma

  • Formazione volontari libera e ora legale
    Pubblicato il 15 ottobre 2014

    Quest’anno nel ripartire con le attività abbiamo deciso di investire questi primi mesi dell’anno fino a Natale nella formazione di soci e volontari nuovi e vecchi.

    Per questo in collaborazione con il gruppo di Libera scuola stiamo organizzando un ciclo di incontri di formazione aperti a tutte le persone interessate a darci una mano nei modi e nei tempi che ognuno è in grado di sostenere (scuole, animazione nei gruppi, partecipazione agli stand, sostegno ai vari progetti, volontariato in bottega, ecc.).

    Iniziamo col proporvi le seguenti date:

    - Martedì 21 Ottobre ore 21:00, bottega “Saperi e Sapori di Legalità” (via F. da Buti 10) – formazione base

    Libera sul territorio provinciale. Presentazione dell’associazione e dei vari presidi, come siamo strutturati, quali progetti e attività in corso, quali possibilità di volontariato, ecc.

    L’incontro aperto a tutti è rivolto in particolare ai volontari nuovi che vogliono prestare servizio durante ma anche un aggiornamento per i vecchi volontari che anche saltuariamente danno una mano.

    Per motivi organizzativi vi chiediamo di inviare una e-mail per la partecipazione a oralegalepisa@gmail.com

    - Lunedì 27 Ottobre ore 21:00, bottega “Saperi e Sapori di Legalità” (via F. da Buti 10) – formazione libera scuola
    L’esperienza del Presidio giovanile di Libera Pisa G. Siani nella formazione agli alunni. Percorsi, modalità e finalità

    - Martedì 11 Novembre ore 21:00 bottega “Saperi e Sapori di Legalità” (via F. da Buti 10) – formazione libera scuola
    Formazione tematica su Gioco d’Azzardo Patologico

    E’ in corso la definizione di altre date di formazione tematica e su tecniche di animazioni organizzate dal gruppo di Libera scuola.

    Vi aspettiamo!

  • Edicola "I saperi di legalità" & 'internet festival 2014
    Pubblicato il 9 ottobre 2014

    In occasione dell’internet festival di Pisa (9-12 ottobre 2014) abbiamo creato una piccola collaborazione attraverso l’edicola “I saperi della legalità” di Borgo Stretto che diventerà punto distributivo di materiale informativo dell’“I.F. 2014”:http://www.internetfestival.it/if2014-con-i-saperi-della-legalita/

    Inoltre, la nostra start up promossa da Libera grazie alla gestione e l’investimento della coop. soc. AXIS – Acli X impegno sociale con il partenariato di numerosi soggetti istituzionali, associativi e di privato sociale, è stata selezionata tramite il bando inPITCHati! per presentare il progetto come idea innovativa di riutilizzo sociale di azienda confiscata e in vista del progetto di digitalizzazione dell’edicola al quale stiamo lavorando.

    L’idea avrà a disposizione 10 minuti di tempo per essere valutata da mentori e potenziali investitori al termine della giornata dedicata al tema “Culture is smarter”.
    L’appuntamento è per domani venerdi 10 ottobre dalle 17:40 presso la sala degli Stemmi della Scuola Normale Superiore di Pisa.

  • 2° compleanno presidio Libera Pisa G. Siani - 16 ottobre
    Pubblicato il 6 ottobre 2014

    Per il secondo anno di attività del Presidio Libera Pisa “Giancarlo Siani” – un anno ricco di iniziative e traguardi raggiunti – le ragazze e i ragazzi di Libera vi propongono di festeggiare con loro proponendovi una cena a cui saranno presenti per l’occasione Ciro Corona e Ivo Poggiani della Cooperativa ®esistenza Anticamorra di Scampia, cooperativa che gestisce il Fondo Rustico “Amato Lamberti”, primo bene confiscato di Napoli, sul quale si produce vino, marmellata ma soprattutto legalità, giustizia e riscatto sociale.

    Clicca per saperne di più e consultare il programma

  • Riunione Libera scuola
    Pubblicato il 23 settembre 2014

    E’ convocata la riunione di LIBERA Scuola Pisa per:
    mercoledì 24 settembre 2014 alle ore 21:15
    a Pisa presso la Bottega di LIBERA in via Francesco da Buti, 10

    con il seguente ordine del giorno :

    - RELAZIONE SULLE ATTIVITASVOLTE LO SCORSO ANNO

    - PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITAANNO SCOLASTICO 2014 – 2015

    - CENSIMENTO DELLE RISORSE UMANE ED ECONOMICHE DISPONIBILI

  • Proiezione del film "La mia terra"
    Pubblicato il 20 settembre 2014

    Al Cinema Caffè Lanteri “La nostra terra”,
    incontro con il coordinamento provinciale di Libera

    Domenica 21 settembre alle 21:15

    Domenica 21 settembre alle ore 21:15 al Cinema Caffè Lanteri in occasione della proiezione del film “La nostra terra” il Coordinamento provinciale di Libera, insieme a esponenti del presidio Libera “Giancarlo Siani”, del progetto edicola “I Saperi della legalità” e di Unipol Sai Pisa (sostenitore di Libera con la campagna “Un euro per polizza e conto corrente bancario”) incontreranno il pubblico in sala. Tema dell’intervento dei membri delle Associazioni sarà l’importanza del riutilizzo sociale delle terre confiscate alla mafia e alcuni volontari pisani porteranno la testimonianza della loro esperienza con l’associazione antimafia fondata da Don Luigi Ciotti nel 1995.

    Clicca per saperne di più

  • La seconda edizione della Passeggiata per la legalità, Pontedera 20 settembre 2014.
    Pubblicato il 17 settembre 2014

    Clicca per visualizzare il programma

  • Appello a sostegno della campagna "Miseria Ladra" - coordinamento provinciale Libera Pisa
    Pubblicato il 16 settembre 2014

    Il coordinamento provinciale di Libera Pisa ha lanciato una appello ai capogruppo delle liste del consiglio comunale di Pisa in merito alla campagna nazionale promossa da Libera e gruppo Abele “Miseria Ladra”.

    Clicca per saperne di più.

  • Route Agesci san Rossore 2014
    Pubblicato il 6 agosto 2014

    Anche Lbera Pisa e Ora legale sono presenti alla Route AGESCI di San Rossore con stand informativo e laboratori di formazione!

  • Orari agosto: bottega "I Saperi e Sapori della Legalità' & edicola "I Saperi della Legalità'"
    Pubblicato il 6 agosto 2014

    - Bottega “I Saperi e Sapori della Legalità” e social bar “Colazione al Colombre” (via F. da Buti 10-12, Pisa) :
    chiusura: da sabato 8 a domenica 24 agosto (compresi)

    Dal 25 agosto riapertura con orario regolare: lun-ven 7/18 e sab. 7/13

    - Edicola “I Saperi della Legalità’” (borgo stretto, Pisa):
    chiusura: da lunedi 11 a domenica 17 agosto (compresi)

    Per tutto il mese di agosto l’orario di apertura è solamente la mattina: 6:30/13:30
    Dal primo settembre riapertura con gli orari regolari: tutte le mattine ore 6:30/13:30, pomeriggi (escluso mercoledi e domenica) ore 16/19

    Buone ferie a tutti!

convegno "SPIRITUALITA' ETICA POLITICA. Idee e pratiche per una società non violenta" - 25-26 ottobre

Si segnala l’invito al convegno.
“Spiritualità Etica Politica. Idee e pratiche per una società nonviolenta e solidale”
in programma c/o la Stazione Leopolda (piazza Guerrazzi, Pisa) i prossimi 25-26 ottobre 2014

Tra le varie esperienze che verranno raccontate, si segnala l’intervento di Marco De Martino per conto di Libera Pisa previsto per domenica mattina dal titolo “Legalità è bellezza. Le confische per mafia: dal bene al Bene”

Edicola "I saperi della legalità"

IL PERCORSO

Nel luglio 2013 il Tribunale di Reggio Calabria ha disposto il sequestro di un’edicola posta nel centro storico della città di Pisa, a complemento delle indagini della Direzione Investigativa Antimafia di Messina riguardanti un sodalizio mafioso attivo negli anni ’90.

Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie, attraverso il coordinamento provinciale di Pisa e la cooperativa sociale AXIS – Acli X Impegno Sociale, col supporto di un’ampia rete di soggetti istituzionali, nell’interpretazione più autentica della legge 109 del 1996 (Disposizioni in materia di gestione e destinazione di beni sequestrati o confiscati) ha proposto al Tribunale di Reggio Calabria un progetto di riutilizzo sociale dell’edicola. Il parere favorevole del Tribunale ha permesso l’avvio del progetto.

DAL bENE AL BENE

Il progetto prevede il riutilizzo della tradizionale attività di rivendita di giornali, riviste e periodici al fine di sviluppare un progetto sociale che promuova la creazione di nuovi posti di lavoro, con un’attenzione particolare all’inserimento lavorativo di personale svantaggiato (legge 381/91). Grazie alla sua posizione strategica, l’edicola diviene uno strumento efficace per la promozione della cultura della legalità democratica, della solidarietà e dell’antimafia sociale, nella consapevolezza della crescente esposizione del territorio toscano a fenomeni di infiltrazione mafiosa e corruttiva. Tali fenomeni criminali necessitano sempre più di risposte concrete e coerenti, che mirino alla ricostruzione del tessuto sociale dei nostri territori e favoriscano il rispetto delle regole e la democrazia.

La riapertura dell’edicola, che prende il nome di “I Saperi della Legalità” permette di proseguire l’importante lavoro culturale che la rete provinciale di Libera sta portando avanti da anni attraverso il coordinamento provinciale che riunisce molte associazioni e i presidi territoriali di Libera impegnati a vario titolo nella diffusione della cultura della legalità democratica, della solidarietà e dell’antimafia sociale attraverso iniziative culturali, sportive, sociali, scolastiche e in continuità con il progetto di promozione della bottega “Saperi e Sapori di Legalità” di Pisa (via f. da Buti 10, Pisa).

All’attività di edicola se ne affiancheranno altre a servizio della cittadinanza che saranno definite in collaborazione con i partner e i soggetti sostenitori del progetto oltre che uno spazio on-line denominato www.isaperidellalegalita.it

Formazione volontari libera e ora legale

Quest’anno nel ripartire con le attività abbiamo deciso di investire questi primi mesi dell’anno fino a Natale nella formazione di soci e volontari nuovi e vecchi.

Per questo in collaborazione con il gruppo di Libera scuola stiamo organizzando un ciclo di incontri di formazione aperti a tutte le persone interessate a darci una mano nei modi e nei tempi che ognuno è in grado di sostenere (scuole, animazione nei gruppi, partecipazione agli stand, sostegno ai vari progetti, volontariato in bottega, ecc.).

Iniziamo col proporvi le seguenti date:

- Martedì 21 Ottobre ore 21:00, bottega “Saperi e Sapori di Legalità” (via F. da Buti 10) – formazione base

Libera sul territorio provinciale. Presentazione dell’associazione e dei vari presidi, come siamo strutturati, quali progetti e attività in corso, quali possibilità di volontariato, ecc.

L’incontro aperto a tutti è rivolto in particolare ai volontari nuovi che vogliono prestare servizio durante ma anche un aggiornamento per i vecchi volontari che anche saltuariamente danno una mano.

Per motivi organizzativi vi chiediamo di inviare una e-mail per la partecipazione a oralegalepisa@gmail.com

- Lunedì 27 Ottobre ore 21:00, bottega “Saperi e Sapori di Legalità” (via F. da Buti 10) – formazione libera scuola
L’esperienza del Presidio giovanile di Libera Pisa G. Siani nella formazione agli alunni. Percorsi, modalità e finalità

- Martedì 11 Novembre ore 21:00 bottega “Saperi e Sapori di Legalità” (via F. da Buti 10) – formazione libera scuola
Formazione tematica su Gioco d’Azzardo Patologico

E’ in corso la definizione di altre date di formazione tematica e su tecniche di animazioni organizzate dal gruppo di Libera scuola.

Vi aspettiamo!

Edicola "I saperi di legalità" & 'internet festival 2014

In occasione dell’internet festival di Pisa (9-12 ottobre 2014) abbiamo creato una piccola collaborazione attraverso l’edicola “I saperi della legalità” di Borgo Stretto che diventerà punto distributivo di materiale informativo dell’I.F. 2014

Inoltre, la nostra start up promossa da Libera grazie alla gestione e l’investimento della coop. soc. AXIS – Acli X impegno sociale con il partenariato di numerosi soggetti istituzionali, associativi e di privato sociale, è stata selezionata tramite il bando inPITCHati! per presentare il progetto come idea innovativa di riutilizzo sociale di azienda confiscata e in vista del progetto di digitalizzazione dell’edicola al quale stiamo lavorando.

L’idea avrà a disposizione 10 minuti di tempo per essere valutata da mentori e potenziali investitori al termine della giornata dedicata al tema “Culture is smarter”.
L’appuntamento è per domani venerdi 10 ottobre dalle 17:40 presso la sala degli Stemmi della Scuola Normale Superiore di Pisa.

2° compleanno presidio Libera Pisa G. Siani - 16 ottobre

Per il secondo anno di attività del Presidio Libera Pisa “Giancarlo Siani” – un anno ricco di iniziative e traguardi raggiunti – le ragazze e i ragazzi di Libera vi propongono di festeggiare con loro proponendovi una cena a cui saranno presenti per l’occasione Ciro Corona e Ivo Poggiani della Cooperativa ®esistenza Anticamorra di Scampia, cooperativa che gestisce il Fondo Rustico “Amato Lamberti”, primo bene confiscato di Napoli, sul quale si produce vino, marmellata ma soprattutto legalità, giustizia e riscatto sociale.

I nostri ospiti presenteranno la “Falanghina Selva Lacandona”, prodotta dalla vendemmia 2013, è il primo vino DOC prodotto su un bene confiscato in Campania.

La cena si svolgerà a partire dalle ore 20 il giorno 16 Ottobre 2014 presso i locali della Parrocchia “SS. Trinità” di Ghezzano (Via Berchet 16, Ghezzano).

Il programma prevede:

CENA POPOLARE a buffet al prezzo di 12€ a persona bevande incluse. Sarà possibile degustare anche il vino della Cooperativa. Inoltre tutto il ricavato della cena sarà donato alla Cooperativa per sostenere il Tour di Presentazione del vino e le loro attività.

A seguire:

I nostri ospiti ci racconteranno il loro lavoro sul bene confiscato “Amato Lamberti” a Chiaiano e le attività che quotidianamente portano avanti nel quartiere di Scampia per combattere la camorra e l’abbandono delle istituzioni.

Insieme a loro ci saranno le ragazze e i ragazzi del Presidio che lo scorso agosto hanno partecipato per una settimana al Campo di Libera proprio sul bene confiscato di Chiaiano a testimoniare la loro esperienza.

Orario di inizio della cena: ore 20:00

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA VIA MAIL O TELEFONO ENTRO E NON OLTRE LUNEDI’ 13.

MANDARE UNA MAIL a “presidiolibera.pisa@gmail.com” o TELEFONARE al “346 6291622 Giulio” indicando nome, cognome e un recapito telefonico.

Riunione Libera scuola

E’ convocata la riunione di LIBERA Scuola Pisa per:
mercoledì 24 settembre 2014 alle ore 21:15
a Pisa presso la Bottega di LIBERA in via Francesco da Buti, 10

con il seguente ordine del giorno :

- RELAZIONE SULLE ATTIVITASVOLTE LO SCORSO ANNO

- PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITAANNO SCOLASTICO 2014 – 2015

- CENSIMENTO DELLE RISORSE UMANE ED ECONOMICHE DISPONIBILI

Proiezione del film "La mia terra"

Al Cinema Caffè Lanteri “La nostra terra”,
incontro con il coordinamento provinciale di Libera

Domenica 21 settembre alle 21:15

Domenica 21 settembre alle ore 21:15 al Cinema Caffè Lanteri in occasione della proiezione del film “La nostra terra” il Coordinamento provinciale di Libera, insieme a esponenti del presidio Libera “Giancarlo Siani”, del progetto edicola “I Saperi della legalità” e di Unipol Sai Pisa (sostenitore di Libera con la campagna “Un euro per polizza e conto corrente bancario”) incontreranno il pubblico in sala. Tema dell’intervento dei membri delle Associazioni sarà l’importanza del riutilizzo sociale delle terre confiscate alla mafia e alcuni volontari pisani porteranno la testimonianza della loro esperienza con l’associazione antimafia fondata da Don Luigi Ciotti nel 1995.

Diretto da Giulio Manfredonia, autore già di campioni di incassi come “Si può fare” e “Qualunquemente”, e con protagonisti Stefano Accorsi e Sergio Rubini, “La nostra terra” è una commedia che ci racconta la storia di un’antimafia fatta piantando pomodori. Nicola Sansone è il boss proprietario di un podere nel Sud Italia che viene confiscato dalla Stato e assegnato a una cooperativa, che però non riesce per celati o dichiarati boicottaggi ad avviare l’attività. Per questa viene mandato in loro aiuto Filippo, un uomo che da anni fa l’antimafia lavorando in un ufficio del Nord, e quindi impreparato ad affrontare la questione “sul campo”. E non appena le cose iniziano ad andare quasi bene, al boss Nicola Sansone vengono concessi i domiciliari. Riuscirà l’antimafia a trionfare?

Riconosciuto di interesse culturale con il sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali, il film è in proiezione fino a Mercoledì 24 Settembre al Cinema Caffè Lanteri, in via San Michele degli Scalzi 46 a Pisa, per gli orari consultare il sito www.cinemalanteri.com o su facebook alla pagina Cinema Caffè Lanteri.

La seconda edizione della Passeggiata per la legalità, Pontedera 20 settembre 2014.

La seconda edizione della Passeggiata per la legalità, Pontedera 20 settembre 2014.

Non ci siamo fermati, continuiamo a parlare e camminare per resistere a mafiopoli, i dati che ci vengono forniti dai diversi osservatori sul fenomeno mafie ci dicono che non possiamo fermarci e dobbiamo proseguire con costanza nell’opera di testimonianza diretta di opposizione alle mafie, che dobbiamo rivendicare con forza i principi di legalità che rendono piu forte e libera la nostra società. La comunità di Pontedera e della Valdera tutta ha già dimostrato che esiste questa voglia di essere protagonista in tal senso, sia nelle istituzioni locali che nella società organizzata, nell’associazionismo culturale e sociale sia come singoli cittadini.

Dedichiamo quindi la seconda edizione della Passeggiata per la Legalità alla campagna nazionale contro i rischi del gioco d’azzardo “ Mettiamoci in gioco”

Questa campagna è un’iniziativa nata nel 2012 per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sulle reali caratteristiche del gioco d’azzardo nel nostro paese e sulle sue conseguenze sociali, sanitarie ed economiche, avanzare proposte di regolamentazione del fenomeno, fornire dati e informazioni, catalizzare l’impegno di tanti soggetti che – a livello nazionale e locale – si mobilitano per gli stessi fini.

L’iniziativa di quest’anno si è arricchita di appuntamenti precedenti la passeggiata a dimostrazione che esiste una volontà di estendere i momenti di riflessione sui temi della legalità.

L’idea è che il tema della legalità possa diventare un mattone su cui costruire un nuovo futuro.

Passeggiata per la Legalità “Mettiamoci in Gioco”

Pontedera 20 settembre 2014

Ritrovo in V. Impastato ( vicino scolmatore) h. 14,15

Saluti del Sindaco di Pontedera AVV. Simone Millozzi e dei rappresentanti istituzionali.

Intervento di apertura sulla Campagna “Mettiamoci in Gioco” Don Armando Zappolini

Partenza passeggiata h.15Percorso di circa 6 km per le vie della Città.

Da V. Impastato immissione su tracciato pista ciclo pedonale di V. Tosco Romagnola ;Via XXIV Maggio, Via Brigate Partigiane, a Piazza lager nazisti , mostra fotografica del progetto “Colorando il Buio”,Via Sacco e Vanzetti, V. Pisana, V. Primo Maggio, P.zza Andrea da Pontedera proseguimento su Corso Matteotti , Ponte Napoleonico, Viale Italia , V. Indipendenza, ai giardini del Teatro Era dalle ore 16,30 punto ristoro a cura dei Gruppi Acquisto Solidale Valdera, Centro Poliedro,La Tienda svolta a sinistra V. madre Teresa di Calcutta , V. del Gelso nuovamente su pista ciclo

pedonale di Tosco Romagnola Est da percorrere tutta sino a La Rotta,svolta a destra su V. Enrico Capecchi ( costeggia villa degli Azioni) sino a P.zza Pugliesi.

A Piazza Puglisi intervento teatrale a cura di Krios Teatro

Discesa da V. Solferino, attraversamento Tosco Romagnola verso Parco Fluviale h 18 circa Al parco fluviale si svolge la storica festa dei Fischi e delle Campanelle che ospita nella giornata l’accoglienza e la conclusione della passeggiata.

Interventi di testimonianza dei ragazzi che hanno preso parte ai Campi della Legalità di ARCI e LIBERA.

Piantumazione di un albero a ricordo di una vittima delle mafie.

Da ore 19 Cena della legalità con Prodotti delle cooperative di Libera ( gradita prenotazione al 334.3013082)

Ore 21,15 Concerto spettacolo a cura di “Coro dei ragazzi del Centro Poliedro, Arci Valdera Progetto Solidarietà” assieme alla Filarmonica Volere e Potere.

Ore 22,30 Apertura straordinaria del forno di cottura dell’opera dell’artista Beatrice DeLaurentiis e del Mattone della Legalità 2014.

Lungo il percorso sono previste incursioni artistiche e culturali sui temi della legalità a cura delle associazioni partecipanti.
La passeggiata si svolgerà anche in caso di pioggia .Il programma potrà subire variazioni per ragioni organizzative.Per informazioniinfo@cantieriossodelcane.it g.ferdani@virgilio.it

Pag.fb : ossodelcanecantieri

INIZIATIVE SETTIMANA PRECEDENTE PASSEGGIATA ( ingresso libero)

Martedi 16 ore 17,45 Libreria Roma presentazione dei libri “Educare alla legalità.Suggerimenti pratici e non per genitori e insegnanti” (scritto con Gherardo Colombo); e “l’isola delle regole” con l’autrice Anna Sarfatti.

Anna Sarfatti vive a Firenze. E’ autrice di libri per bambini. Ha insegnato per molti anni nella scuola primaria e dell’infanzia. Tra le sue ultime pubblicazioni I bambini non vogliono il pizzo. La scuola “Giovanni Falcone e PaoloBorsellino”, Mondadori 2012; L’albero della memoria. La Shoah raccontata ai bambini, Mondadori 2013. A partire dal 1992 ha stretto un profondo rapporto con l’opera di Theodor SeussGeisel, conosciuto come Dr. Seuss. Ha tradotto 10 suoi libri pubblicati da Giunti. E’ impegnata nella ricerca di percorsi e strumenti per promuovere la cultura dei diritti e della cittadinanza attiva tra i bambini. Collabora con l’ospedale pediatrico Meyer di Firenze per promuovere la comunicazione tra bambini e ospedale. Per maggiori informazioni consultare il sito : www.annasarfatti.it

Giovedi 18 ore 21 Biblioteca Comunale Giovanni Gronchi Spettacolo Teatrale a cura diTeatroInBìLiKo“Rintr’a casa” un monologo tratto dal testo La mafia in casa mia, una intervista a Felicia Bartolotta Impastato, la madre di Peppino ImpastatoCon MOHARED BARONE e ALICE LENZI. Voce FABRIZIO

DAMIANI. Adattamento dei testi e montaggio STEFANO GAZZARRINI e MOHARED BARONE. Assistenza tecnica FEDERICO RICCI “Rintr’a casa”In quelle pagine, di Felicia ascoltiamo l’inconfondibile voce (sia pur “italianizzata”). La voce di una donna, stretta nell’ambiente soffocante di una famiglia mafiosa. La voce di una madre a cui è stato ucciso il figlio. E che trova il coraggio di parlare.Nello spettacolo, a interpretare il ruolo di Felicia, è una giovane donna che non ha origini siciliane, che non è mai stata a Cinisi, che non conosce il dialetto di quei luoghi. Rintr’a casa, pertanto, diventa anche

un confronto tra queste due donne apparentemente così diverse, nel tempo, nello spazio, nell’esperienza di vita. Contro la violenza che la donna subisce “rintr’a casa”, prima ancora che fuori.

INIZIATIVE SUCCESSIVE PASSEGGIATA

Venerdi 3 ottobre Circolo ARCI Il Botteghino La Rotta Cena di raccolta fondi per il recupero delle spese della Passeggiata.

Appello a sostegno della campagna "Miseria Ladra" - coordinamento provinciale Libera Pisa

Oggetto: appello a sostegno della campagna nazionela “Miseria Ladra”

Con un articolato dossier sulla situazione di crescente povertà nel nostro Paese, Libera e Gruppo Abele hanno promosso la campagna nazionale “Miseria Ladra”.
Attraverso la formulazione di dieci proposte concrete, l’obiettivo della campagna è quello di provare a dare risposte immediate alla crisi economica e sociale che attanaglia il nostro Paese, scaricandosi principalmente sulle fasce già più vulnerabili della popolazione.

“Miseria Ladra” è un cantiere aperto a tutte le associazioni del volontariato, ambientaliste, alle cooperative del sociale per chiamare alla mobilitazione su un problema che oggi tocca più tragicamente e in misura crescente alcune fasce sociali, ma domani potrebbe riguardarne anche altre che oggi ancora resistono.

Dopo un iniziale percorso di confronto che ci ha visto interloquire con realtà del volontariato laico e cattolico della nostra città, associazioni ambientaliste e cooperative sociali, come Coordinamento provinciale di Libera riteniamo giunto il momento di rivolgere un appello a tutte le forze politiche presenti in Consiglio comunale, affinchè anche a Pisa si possa iniziare un confronto politico pubblico su almeno alcune delle proposte della campagna.

E’ nostra convinzione che il tema del contrasto a tutte le forme di povertà e di esclusione sociale dovrebbe essere un punto centrale di ogni programma politico e che la ricerca di soluzioni efficaci interpelli ciascuna forza politica senza distinzione di schieramento.

Come associazione impegnata nella difesa dell’integrità del nostro territorio dalle infiltrazioni mafiose, non possiamo non considerare che ingiustizia sociale, violazione delll’ambiente, corruzione, illegalità, indifferenza sono spesso la vera radice della povertà, sofferenza ed emarginazione di tante persone. Non possiamo ignorare che le mafie sono le prime ad avvantaggiarsi ed a proliferare in un Paese così diseguale, impoverito, fragile e con una coesione sociale sempre più frammentata. Siamo convinti che l’impegno contro le mafie e la corruzione dipenda soprattutto dalla nostra capacità di promuovere giustizia sociale mettendo in campo riflessioni, analisi, azioni, pratiche e proposte capaci di contrastare la povertà.

Queste riportate di seguito sono in sintesi le 10 proposte della campagna.

1. Ricostituire, da parte del nuovo Governo, il fondo sociale e il fondo per la non autosufficienza ai livelli del 2008, definiti allora un “punto di partenza” a incrementazione annua successiva;

2. Attuare una moratoria ragionevole rispetto l’immediata esigibilità dei crediti da parte di Equitalia e dal sistema bancario, negoziando modalità differenti di pagamento in base alle varie situazioni di insolvenza;

3. Onorare velocemente, come prevede l’Europa, i debiti da parte delle Pubbliche Amministrazioni a partire dai “fornitori” di beni, prestazioni e servizi;

4. Programmare una “allocazione diversa delle risorse a saldo invariato” al fine di reperire i fondi per gli interventi di contrasto alle povertà. A titolo di esempio: abolire i CIE che rappresentano un’offesa al diritto e alla dignità delle persone e riconvertire le risorse per l’inserimento e l’integrazione delle persone migranti; tagliare alcune spese militari da utilizzare per il sociale e per la riconversione ecologica delle attività produttive e della filiera energetica; rivedere i progetti di
alcune “grandi opere” a carattere molto controverso, utilizzando quelle risorse per risanare il dissesto idrogeologico di molti territori del nostro paese e valorizzare l’agricoltura biologica e sociale;

5. Sospendere gli sfratti esecutivi, offrendo nuove opportunità di negoziazione e garanzia per il pagamento del fitto, a protezione del reddito dei piccoli proprietari che sull’acquisto della casa hanno messo i loro risparmi a garanzia di un futuro spesso non coperto da pensioni;

6. Rimettere sul mercato il patrimonio immobiliare sfitto, con le dovute mediazioni e tutele per i piccoli proprietari, e garantire un meccanismo più rapido per l’assegnazione dei beni confiscati alle mafie per uso sociale;

7. Estendere la pratica che si è attuata in molte città rispetto ai senza dimora, concedendo la residenza presso il Municipio o in un’altra sede comunale a tutte quelle figure che possono essere definite “temporaneamente in difficoltà” quali i richiedenti asilo, le vittime di tratta, le vittime di violenza che, in virtù di tale dispositivo,vedrebbero riconosciuto il diritto di accesso ai servizi sociali e sanitari e al lavoro stesso (senza residenza non viene rilasciata la Carta di Identità, necessaria per stipulare il contratto di lavoro, l’attribuzione del medico di base, l’accesso ai servizi sociali) e potrebbero avere maggiore possibilità di rendere più breve il loro disagio “temporaneo”;

8. Erogare il Reddito di Cittadinanza, o eventualmente un altro dispositivo di tutela generalista, come strumento essenziale per le politiche attive del lavoro, così come già avviene nella maggior parte dei paesi europei, per rispondere all’emergenza sociale e contrastare lo sfruttamento del lavoro senza regole e senza prospettive di crescita e di formazione per i lavoratori e le lavoratrici;

9. Mantenere e rendere di nuovo pubblici i servizi basici essenziali e difendere i beni comuni. I servizi basici sono indispensabili al sostegno delle comunità in una fase di grave crisi come quella attuale, così come i beni comuni essenziali alla vita. La privatizzazione di molti servizi e dei beni comuni ha infatti significato un impoverimento soprattutto dei ceti medi e popolari. La ripubblicizzazione dei servizi basici e la difesa dei beni comuni come acqua, sanità, scuola,
trasporti, energia e rifiuti, sono obiettivi che rappresentano strumenti concreti di contrasto alla povertà, garantendo pari dignità a quelle categorie sociali che hanno dovuto fare a meno di servizi fondamentali, rendendo più equa la distribuzione della ricchezza.

10. Rinegoziazione del debito. Nell’attuale fase di crisi italiana ed europea, l’impatto del debito pubblico nel bilancio nazionale e sulle politiche di contrasto alla povertà ha un peso enorme. Diventa improrogabile affrontare il tema della rinegoziazione del debito pubblico attraverso un audit pubblico per evitare di creare ricchezza esclusivamente per il pagamento degli interessi sul debito invece che per il sostegno alle persone. Bisogna capire quello che realmente “dobbiamo” e quanto invece è frutto di meccanismi speculativi che hanno reso insostenibile il debito e fanno lievitare gli interessi sul debito rendendo insostenibile socialmente qualsiasi piano di rientro.

Alcune delle proposte sopra elencate chiamano in causa il Governo centrale, mirando a intervenire sulle cause strutturali della povertà e della crisi, e su questi punti siamo consapevoli che dal livello locale si possa fare “solo” una azione di sensibilizzazione e di sollecitazione.

Ci sono però molte proposte della campagna che intervengono direttamente sul livello amministrativo locale, perché riguardano situazioni contingenti di vera e propria emergenza. È proprio su questi punti che come Libera Pisa auspichiamo una chiara presa di posizione dall’Amministrazione comunale e da tutti i partiti politici presenti in Consiglio comunale.

Il nostro auspicio è che a partire da questi stimoli e dall’analisi dei dati presenti nel dossier da cui la campagna ha preso il via, possa scaturire un confronto serio, non pregiudiziale, tra cittadini, associazioni, cooperative sociali, forze economiche e politiche della città, che ci consenta di elaborare insieme una visione e delle proposte concrete, di immaginare delle vie di uscita dalla crisi che siano capaci di difendere l’interesse generale e di restiture speranza nel futuro.
Invitiamo dunque tutte le forze politiche cittadine a prendere in esame il dossier della campagna “Miseria Ladra” e a darci fin dalle prossime settimane e dai prossimi mesi un segno tangibile di interesse ad approfondire le proposte contenute nei nostri documenti, per tradurle in impegni concreti a livello territoriale.

Per parte nostra ci rendiamo fin da ora disponibili a sostenere tutte quelle iniziative che andranno nelle direzioni da noi auspicate, riservandoci il ruolo che più ci compete, ossia quello di una forte sensibilizzazione dell’opinione pubblica e dell’affermazione di quella cultura della legalità, che per noi significa innanzitutto difesa della dignità di ogni persona e dei diritti intoccabili sanciti dalla nostra Costituzione.

In attesa di segnali incoraggianti di risposta a questo nostro appello, ringraziamo chiunque voglia sostenere il cammino di “Miseria Ladra” a Pisa, invitando anche le associazioni e le cooperative sociali con le quali finora non abbiamo avuto occasione di confrontarci a prendere contatti con noi, per costruire davvero tutti insieme soluzoni efficaci ad alcuni dei problemi sociali più pressanti dellanostra città. Perchè come ci ricorda lo slogan della campagna dalla crisi si esce insieme, aiutiamoci a farlo!

Coordinamento provinciale Libera Pisa
Riferimenti per contatti e collaborazioni: pisa@libera.it

Route Agesci san Rossore 2014

Anche Lbera Pisa e Ora legale sono presenti alla Route AGESCI di San Rossore con stand informativo e laboratori di formazione!

← Previous