COMUNICATO STAMPA - Coordinamento provinciale LIBERA Pisa

Anche il People Mover nell’inchiesta sulla rete corruttiva nelle
grandi opere che ha portato a 21 arresti.

Libera Pisa chiede trasparenza e integrità nella gestione della cosa
pubblica.

“Apprendiamo con grande preoccupazione la notizia dei provvedimenti emessi a seguito
delle indagini svolte dalle procure di Roma e Genova su una vasta rete corruttiva che coinvolgerebbe alcune tra le principali opere pubbliche italiane. Tra queste, anche il People Mover, la navetta in costruzione a Pisa che collegherà la stazione ferroviaria e l’aeroporto. Un progetto da circa 70 milioni di euro, di cui 21 investiti dalla Regione Toscana con finanziamenti europei.
Nella primavera del 2016, come Coordinamento provinciale di Libera, abbiamo svolto un lavoro di monitoraggio di alcuni impegni in materia di trasparenza e legalità, assunti dietro nostra sollecitazione dall’amministrazione comunale (e dalle forze di opposizione) durante la campagna elettorale delle amministrative del 2013. Nella presentazione del monitoraggio avevamo fatto esplicito riferimento anche alla vicenda del People Mover: in materia di trasparenza amministrativa e pubblicità degli atti,
poco o nulla infatti era a disposizione dei cittadini sui vari siti web, compreso quello di Pisamo e i cartelli di cantiere riportavano uno scarno elenco di subappaltatori. Alla luce di ciò, avevamo all’epoca espresso tutta la nostra preoccupazione in merito.
Nelle ultime settimane il nostro monitoraggio dell’aprile 2016 è stato oggetto di due diverse interpellanze in Consiglio Comunale da parte dei gruppi di minoranza.
La prima interpellanza riguarda nello specifico la trasparenza e il rispetto degli obblighi di legge (con particolare riferimento alla legge n.190/2012 anticorruzione e al decreto 33/2013): dal referto sul controllo delle società partecipate, elaborato dagli uffici comunali, emerge un quadro desolante: “Continuano a manifestarsi approcci improntati a modalità di gestione privatistica piuttosto che pubblicistica; ciò riguarda sia gli organi amministrativi che quelli di controllo delle partecipate.” Si sottolinea inoltre il “parziale adempimento degli obblighi di trasparenza e pubblicità” e che “la mancata trasmissione delle informazioni necessarie al controllo, o la trasmissione in un momento successivo a quello previsto, limitano l’efficacia dei controlli”. Alla luce di questa situazione, il Coordinamento provinciale di Libera Pisa accoglie con favore l’impegno del Consiglio Comunale (seduta del 20 ottobre 2016 – primo firmatario F.Auletta) a mettere in atto tutte le azioni necessarie perché dal 1 gennaio 2017 le società partecipate siano adempienti. Ribadiamo il nostro impegno e la nostra attenzione a monitorare situazioni di questo tipo che si riferiscono alla gestione della cosa pubblica. La seconda interpellanza si riferisce all’adozione, da parte del Sindaco e dei consiglieri, del Codice etico denominato “Carta di Avviso Pubblico”. Nel monitoraggio della primavera 2016 abbiamo tenuto conto anche della mancata adozione della nuova carta. Prendiamo atto di questo, nella speranza che tutto il Consiglio Comunale possa presto seguire l’esempio del consigliere Landucci, al momento unico a sottoscrivere il codice etico.”

Pisa, 27/10/2016

MANCANZA DI TRASPARENZA NELLE SOCIETA' PARTECIPATE: UN PICCOLO-GRANDE RISULTATO.

“Il Consiglio comunale di Pisa impegna il Sindaco e la Giunta: – a mettere in atto tutte le azioni necessarie perché dal primo gennaio 2017 queste società siano adempienti rispetto a tutti i loro doveri e rispettino quanto previsto dalle norme in materia di trasparenza e pubblicità degli atti; – impegna la Seconda commissione di controllo e garanzia a fare una verifica sul mancato rispetto di queste norme e relazionare entro marzo 2017 in consiglio comunale.”

Ad Aprile 2016 il Coordinamento Provinciale di LIBERA-PISA con il progetto “4 impegni di legalità” aveva evidenziato le grandi criticità in materia di trasparenza degli atti da parte delle società partecipate del Comune di Pisa.

Le minoranze in Consiglio Comunale, dopo aver presentato una interpellanza alla luce di questo monitoraggio e di altre relazioni, giovedì scorso hanno ottenuto un importante risultato con l’approvazione di un Ordine Del Giorno riguardo ai mancati adempimenti in particolare di Pisamo, Navicelli Spa e Apes sulla pubblicità degli atti.
In primo luogo, vengono riconosciuti ed evidenziati questi comportamenti non corretti e contrari alle norme vigenti, impegnandosi: il Sindaco e la Giunta a mettere in atto tutte le azioni necessarie affinché dal primo gennaio 2017 queste società si rendano adempienti rispetto a tutti i loro doveri e rispettino quanto previsto dalle norme in materia di trasparenza e pubblicità degli atti; la Seconda commissione di controllo e garanzia a fare una verifica sul mancato rispetto di queste norme e relazionare entro marzo 2017 in consiglio comunale.

Presentazione Rapporto Ecomafia 2016

Convegno a cura di Legambiente sulla “PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO ECOMAFIA 2016: Le storie e i numeri della criminalità ambientale in Italia”.

Vi aspettiamo mercoledì 26 Ottobre 2016, in via Fermi 27, presso il Circolo ARCI Alhambra di Pisa.

Interverranno:
Fausto Ferruzza, presidente Legambiente Toscana
Donatella Salcioli, Legambiente Valdera
Marco De Martino, Libera Pisa

Coordina:
Ilaria Sbrana, Legambiente Pisa

A seguire aperitivo con i prodotti di LiberaTerra

Voci dalla 'contro-società degli onesti' Poesie, scritti, canzoni in tema di legalità

Care amiche e cari amici,
http://www.pisatoday.it/:url
con piacere vi invitiamo al recital:

Voci dalla ‘contro-società degli onesti’
Poesie, scritti, canzoni in tema di legalità

che si terrà il 21 ottobre alle ore 21 al Teatro Sant’Andrea di Pisa.

Marco Rossi, coadiuvato da altri componenti della Associazione “Lo Zoccolo Duro”, presenterà contributi di vari autori sul tema della legalità.

Il titolo del recital riprende l’espressione usata dallo scrittore Italo Calvino nel suo saggio “Apologo sull’onestà nel paese dei corrotti”.

Con questa espressione l’autore delle Lezioni Americane voleva provocatoriamente indicare quella parte di società che reagisce al dilagare della corruzione e della illegalità, contrapponendo ad esse la
propria “abitudine mentale, o condizionamento caratteriale, o tic nervoso” (per usare le parole dello stesso Calvino) ad essere e comportarsi da persone oneste.

E’ stata molla ispiratrice di questo recital l’idea che lo “sguardo” della poesia civile (cui alcuni dei contributi scelti appartengono), ma anche di scritti e canzoni che con la poesia civile condividono valori ed ispirazione,
possa contribuire a vivificare una visione collettiva sul tema della legalità (qui usato non nella moderna accezione svuotata di riferimenti valoriali, ma nel suo significato strettamente ancorato a quei
principi etici che sono la linfa vitale di una comunità libera, democratica e solidale), indicando un “luogo” di appartenenza da difendere e, possibilmente, estendere.

Faranno parte del recital poesie di Bertold Brecth, Piero Nissim e Pier Paolo Pasolini, citazioni da scritti di Italo Calvino, canzoni di Franco Battiato, Giorgio Gaber, Fabrizio
De André e Roberto Vecchioni, in una selezione dettata dal gusto e dalla sensibilità dell’ideatore e principale interprete del recital.

L’ingresso allo spettacolo sarà gratuito e l’offerta libera. Il ricavato sarà devoluto all’Associazione Libera.

presentazione di "SILENZIO DI STATO storie di trasparenza negata e di cittadini che non si arrendono" di E. Belisario e G. Romeo, pref. Gian Antonio Stella per Chiarelettere

Vi aspettiamo Domenica 9 ore 18 alla Feltrinelli, ambito internet festival, alla presentazione di “SILENZIO DI STATO storie di trasparenza negata e di cittadini che non si arrendono” di E. Belisario e G. Romeo, pref. Gian Antonio Stella per Chiarelettere
http://www.internetfestival.it/eventi/silenzi-di-stato/

Quanto ha speso il sindaco in viaggi e con chi è andato a cena? Quanto è sicura la mia scuola? Quanto è inquinata l’aria del mio quartiere?…

Tutte informazioni non coperte dal segreto di Stato, ma alle quali, fino a oggi, l’accesso è stato negato a cittadini, associazioni e giornalisti.

Finalmente ora la situazione dovrebbe cambiare perché è stato varato anche da noi, dopo anni di pressioni e di lotte, il Freedom Of Information Act (Foia), cioè una legge che consente libero accesso ai documenti pubblici. Certamente
l’applicazione della legge non sarà facile. Le battaglie qui raccontate non hanno sempre un lieto fine ma rappresentano il segnale che la democrazia può essere praticata a partire dal basso, e che la palude burocratica può essere combattuta.

IL GIUSTO GUSTO. 100 RICETTE AL SAPORE DI LEGALITA', LIBERTA' E DEMOCRAZIA

Aspettando la quarta edizione della Passeggiata per la legalità e la giustizia sociale dedicata al tema “In cammino oltre i confini” del prossimo 17 settembre, il Comitato ARCI della Valdera, il Coordinamento provinciale Libera Pisa e il Circolo L’Ortaccio di Vicopisano (Via Loris Baroni, 14) vi invitano sabato 10 settembre alle 19:30 alla presentazione del ricettario di Cristiana Vettori e Giovanna Baldini “IL GIUSTO GUSTO. 100 RICETTE AL SAPORE DI LEGALITA’, LIBERTA’ E DEMOCRAZIA”.
Alla presentazione seguirà l’apericena realizzato con i prodotti di Libera (su prenotazione entro giovedì 050799165).
Saranno presenti le autrici e l’editrice. I diritti d’autore ricavati dalle vendite del libro saranno devoluti, per volere delle due autrici, a sostegno delle attività di Libera sul territorio.

IL RICETTARIO
Giovanna Baldini e Cristiana Vettori sono due insegnanti volontarie di Libera, impegnate da moltissimi anni in percorsi di educazione alla legalità nelle scuole di Pisa e provincia. Cristiana Vettori è stata in passato anche referente provinciale di Libera.
Hanno pensato a questo libro per promuovere la conoscenza dei tanti prodotti che arrivano sulle nostre tavole dalle Cooperative sociali che lavorano sui terreni liberati dalle mafie, cogliendo l’occasione per scrivere non solo un semplice libro di ricette ma anche per presentare la storia di ogni Cooperativa e le vicende delle vittime innocenti delle mafie a cui molte delle Cooperative stesse sono intitolate. Un libro dunque per assaporare il gusto della giustizia ma anche per coltivare Memoria e consapevolezza.

BILANCIO SOCIALE 2008 - 2014

bilancio sociale OL def (1).pdf

BILANCIO ECONOMICO 2015

bilancio ora legale 2015.pdf

NUOVO STATUTO associativo

statuto nuovo.compressed.pdf

Bilancio Ora Legale Onlus 2014

rendiconto econmico ora legale onlus 2014.pdf

← Previous Next →